Quasi+uccisa+da+un+Pit+Bull%2C+ne+adotta+uno+salvandolo+da+abusi%3A+la+storia+di+Donna
velvetpetsit
/2015/12/20/quasi-uccisa-da-un-pit-bull-ne-adotta-uno-salvandolo-da-abusi-la-storia-di-donna/amp/
Categories: News

Quasi uccisa da un Pit Bull, ne adotta uno salvandolo da abusi: la storia di Donna

Un Pit Bull l’aveva attaccata, ferendola gravemente e facendole perdere il bambino che stava aspettando. Ma lei è riuscita ha trovare la forza del perdono e ne ha salvato uno. Questa la storia vera di Donna Lawrence, una donna originaria del North Carolina, che negli Stati Uniti è diventata anche un film, Susie’s Hope.

Per quasi 5 anni, infatti, come racconta il sito The Dodo, Donna aveva assistito ai maltrattamenti che il suo vicino di casa faceva subire al suo cane, un Pit Bull, lasciandolo per molte ore senza acqua né cibo, picchiandolo e facendolo vivere praticamente sempre attaccato alla catena. Ma un giorno, stanca di quegli abusi, decise di intervenire e, approfittando dell’assenza dei vicini, entrò nel giardino dove era tenuto il cane. Una scelta che le costò molto cara: l’animale, ormai incattivito e fuori controllo, la aggredì brutalmente, facendola abortire. Inoltre, dopo l’operazione, i medici dissero alla Lawrence che non avrebbe più potuto avere figli.

Se avesse iniziato a odiare i Pit Bull sarebbe stato comprensibile. Ma non è andata così. Anzi: solo 10 mesi dopo, Donna trovò un cucciolo (per metà proprio Pit Bull) in un parco. Era una femmina e, all’inizio la Lawrence credeva fosse morta: aveva solo 8 settimane di vita, ma aveva la mascella e tutti i denti rotti, nonché ustioni sul 60 per cento del corpo. I suoi proprietari l’avevano ridotta in fin di vita perché aveva osato leccare il viso del loro bambino. Se non fosse stata operata, la cagnolina sarebbe morta, ma per farlo servivano molti soldi e Donna non li aveva.

Da qui l’idea di fare un appello in tv e chiedere una raccolta fondi. Ed è così che Susie (questo il nome che Donna aveva scelto per lei) è stata salvata. Il suo caso, inoltre, è stato usato come esempio in North Carolina per ottenere una legge più severa contro chi maltratta gli animali. Oggi la Lawrence ha fondato un’organizzazione no profit e insieme al suo cane (che si porta ancora addosso i segni di quelle sevizie) visita le scuole, le chiese e diversi altri luoghi per parlare dei maltrattamenti sugli animali. Il loro benessere è diventata la sua missione. Perché è riuscita a capire che se un cane diventa aggressivo, la responsabilità è sempre dell’uomo.

Foto by Facebook

Redazione

Recent Posts

Attento a questo insetto in giardino e (soprattutto) fai in modo che il tuo cane non lo veda proprio

Hai trovato questo insetto in giardino? Fai il possibile per scacciarlo via e soprattutto fai…

4 ore ago

Hai trovato un cucciolo di cane abbandonato? Ecco cosa devi fare nell’immediato

Un incontro inaspettato: cosa fare immediatamente (e cosa non fare) se si trova un cucciolo…

10 ore ago

Portare il gatto al mare: cosa bisogna sapere prima di prendere iniziativa

Micio in vacanza: alcuni consigli utili sul modo migliore per godersi una bella giornata al…

16 ore ago

Colpo di calore nel cane, non commettere errori: potrebbero costargli caro

Se hai un cane con questo caldo devi fare molta attenzione ai colpi di calore:…

1 giorno ago

Piccioni sul balcone: così ho risolto il problema. Metodo che nessuno ha mai provato prima

La piaga dei piccioni in balcone: alcuni consigli utili e un metodo innovativo per liberarsene…

1 giorno ago

Zanzare bianche, fai molta attenzione: alcune specie sono pericolose, ecco come riconoscerle

Bisogna fare molta attenzione alle zanzare bianche: alcune possono essere pericolose e bisogna avere le…

2 giorni ago