Traffico+animali%3A+arriva+l%26%238217%3Banagrafe+europea+unica+per+tracciare+cani+e+gatti
velvetpetsit
/2016/02/26/traffico-animali-arriva-lanagrafe-europea-unica-per-tracciare-cani-e-gatti/amp/
Categories: News

Traffico animali: arriva l’anagrafe europea unica per tracciare cani e gatti

Per contrastare il traffico di cuccioli, l’Unione Europea ha deciso di istituire un’anagrafe unica che permetterà di tracciare i cani e i gatti di tutti i Paesi membri

Il sogno di una anagrafe europea unica per gli animali da compagnia sta per diventare realtà. Infatti, la UE ha approvato questa risoluzione che permetterà di tracciare tutti gli animali in Europa, fornendo un prezioso strumento di contrasto al traffico di cuccioli. La norma vigente, adottata nel 2003 per agevolare lo spostamento degli animali d’affezione a seguito di familiari che viaggiavano per lavoro, vacanza, mostre o manifestazioni, veniva molto spesso utilizzata, invece, per la movimentazione di animali a scopo commerciale, anche da parte di organizzazioni criminali.

Dai dati raccolti in questi anni, si evince che il traffico illegale di cani e gatti nell’Unione Europea sia il terzo più redditizio, dopo quello di armi e droga. Questo perché i cosiddetti pet “danno lavoro” a molte “fabbriche di cuccioli”. Gli animali vengono trasportati da un Paese all’altro senza i necessari vaccini, quasi sempre in condizioni orribili e, se sopravvivono, a causa della scarsa o assente socializzazione possono diventare aggressivi.

Ma, grazie al nuovo regolamento, tutto potrebbe finalmente cambiare. “E’ un grandissimo risultato – ha commentato la Lav (Lega anti vivisezione) in una nota ufficiale – già dal 2008 chiedevamo che l’Europa si dotasse di sistemi di identificazione e registrazione uguali per tutti i Paesi dell’Unione”. Questo risultato è stato possibile soprattutto grazie al sostegno della campagna lanciata da Eurogroup for Animals: attraverso la petizione, infatti, sono state inviate agli europarlamentari più di 430mila mail, di cui quasi 180mila ai nostri rappresentanti italiani. Dall’Italia, inoltre, sono state inviate il 41,3 per cento del totale delle firme, un dato che conferma l’alto grado di attenzione al fenomeno del traffico dei cuccioli nel nostro Paese. Il Belpaese è, infatti, l’unico in Europa a essersi dotato di una legislazione di repressione del fenomeno del traffico di cuccioli. Una volta tanto un primato positivo ce lo abbiamo anche noi.

Foto by Facebook

Redazione

Recent Posts

Gatto rigetta palle di pelo, quando preoccuparsi? Attenzione a questi casi: bisogna intervenire subito

Segnali di preoccupazione: quando il gatto rigetta le palle di pelo e quando è necessario…

1 ora ago

Sui social è già una star: hai mai visto un labrador che sa parlare? – VIDEO

Il video è virale e lui, il labrador che ne è protagonista è ormai una…

3 ore ago

Basta avere paura del dentista! In questa clinica il cane riesce a calmare persino i pazienti più spaventati

Il dentista ti terrorizza? La pet therapy funziona anche qua: dov'è la clinica con il…

10 ore ago

I cani ci comprendono più di quanto non immaginiamo: ecco come “comunicano” con noi

Ebbene sì, i nostri amici a 4 zampe possono comprendere il nostro stato d'animo meglio…

10 ore ago

I segreti del mondo felino: ecco dove si nascondono i gatti quando sentono che è vicino il momento di lasciarci

Perché il nostro amico peloso quando sente approssimarsi la sua ora si allontana da noi,…

12 ore ago

Anziana lascia 2.6 milioni ai suoi animali escludendo i figli: chi è la (famosissima) donna

Un'anziana ha deciso di lasciare la sua fortuna di 2,6 milioni ai suoi animali domestici,…

13 ore ago