Come+educare+un+gatto+aggressivo%3F
velvetpetsit
/2017/02/07/come-educare-un-gatto-aggressivo/amp/
Categories: Addestramento

Come educare un gatto aggressivo?

Alcuni gatti tendono ad avere un comportamento aggressivo e non sempre è facile comprende il perché. Ecco alcuni consigli su come correggere questi atteggiamenti.

I gatti sono animali prevalentemente tranquilli e docili, capaci di stare a contatto anche con bambini molto piccoli, ma bisogna considerare anche delle eccezioni comportamentali che possono scaturire da fattori inconsci legati al periodo di imprinting dell’animale. Ci sono molti casi in cui i gatti hanno una particolare tendenza ad essere aggressivi e a questo comportamento è riconducibili a due tipi di cause: la prima può essere il distacco prematuro dalla madre, che impedisce di completare il percorso educativo e di insegnare al cucciolo a relazionarsi con i suoi simili. La seconda può essere latteggiamento scorretto del proprietario nei confronti del gatto nel rapporto che si instaura con lui sin da cucciolo. In entrambi i casi, gli atteggiamenti aggressivi del gatto non vanno assolutamente sottovalutati e bisogna analizzarne bene le cause per poter intervenire in modo efficace.

Esistono vari tipi di aggressività del gatto, ad esempio quella legata gioco che è senza dubbio tra le più comuni, quando il gatto assume la tipica postura da caccia e tende a mordere le mani del proprietario o a graffiarlo senza motivo nei momenti di relax. In questo caso è sbagliato continuare ad avere un approccio fisico ma può essere utile ricorrere all’uso di un giocattolo su cui il micio scaricherà la sua euforia.

Poi vi è l’aggressività è quella territoriale ed è la più difficile da gestire. Molti gatti non amano le visite improvvise degli estranei e di conseguenza potrebbe attaccare le persone per difendere e marcare il loro territorio. Per correggere questi atteggiamenti si può tentare di associare la visita delle persone a qualcosa di piacevole, offrendo al micio degli snack per farlo distrarre.

Infine cè laggressività da contatto, che spesso non viene ben compresa dai proprietari dellanimale. Si tratta di una reazione ad un forte stato di stress in cui il gatto, in un primo momento accetta di essere coccolato, ma improvvisamente attacca con graffi improvvisi poiché si sente troppo dominato. Quando lo si coccola, appena si nota che il gatto incomincia ad agitare la coda e ad abbassare le orecchie bisogna allontanarsi e lasciare che sia lui a riavvicinarsi a noi. Punire il proprio micio con la violenza per i suoi comportamenti aggressivi non ha alcun significato e non è per nulla costruttivo, può soltanto peggiorare la situazione e compromettere definitivamente il rapporto con l’animale.

Photo Credits: Twitter

Redazione

Recent Posts

Miglior trasportino per gatti 2024, ce n’è per tutti i gusti: economico, pieno di comfort e non solo

Contiene link di affiliazione. Se anche voi non potete fare a meno di portare il…

4 ore ago

Il tiragraffi perfetto per ogni situazione | Non occupa spazio in casa e abitui subito il tuo gatto

Contiene link di affiliazione. I gatti sono animali abbastanza vivaci nonché molto territoriali e per…

2 settimane ago

Questo cagnolino ama strofinarsi sul divano, ma c’è un imprevisto: da vedere assolutamente fino alla fine

Se vuoi migliorare la tua giornata devi assolutamente vedere questo video: il cagnolino è davvero…

3 settimane ago

La paura più grande dei gatti? Apri il tuo frigo e lo scoprirai: video da ridere a crepapelle

Credete che i gatti non abbiano paura di niente? Vi sbagliate. Ecco che cosa fanno…

3 settimane ago

Cani incollati alla tv, lo scherzo del padrone li fa innervosire: ecco cosa combinano (divertentissimo)

Avete mai visto dei cani guardare la TV ed appassionarsi intensamente allo schermo? Quello che…

3 settimane ago

Aumento di perdita del pelo nel cane: ecco quando si tratta di un problema di salute e devi preoccuparti

Se il tuo cane sta perdendo molto più bene del solito dovresti preoccuparti in questo…

3 settimane ago