Basta+uccidere+animali%3A+%E2%80%8BJean+Paul+Gaultier+dice+stop+a+pelle+e+pellicce
velvetpetsit
/2018/11/13/jean-paul-gaultier-stop-alle-pellicce-e-alle-pelli-basta-uccidere-animali/amp/
Qui la zampa

Basta uccidere animali: ​Jean Paul Gaultier dice stop a pelle e pellicce

Il noto stilista francese, Jean Paul Gaultier, ha annunciato il suo stop all’utilizzo di pelle e pellicce vere. Lo scopo è la protezione e la tutela degli animali: basta uccidere. Lo stilista, ha dichiarato che non ha più nessuna intenzione di  utilizzare materie prime che causino sofferenza agli animali. Il fondatore della casa di moda francese, ha annunciato la sua intenzione di escludere tutte le materie prime, provenienti dal maltrattamento degli animali. Ancora non esiste un comunicato ufficiale, ma Gaultier, ha fatto la sua dichiarazione al programma televisivo Bonsoir! su Canal+.

Jean Paul Gaultier avrebbe dichiarato: “È vero che la pelliccia animale è più sensuale di quella sintetica, è brutto da dire, Ma ci si può scaldare anche in altri modi. Può essere che si andrà verso una parte creativa che non farà del male, perché il modo in cui gli animali vengono uccisi per la loro pelliccia è deplorevole”. Ma non è più intenzione del noto stilista francese, far sì che gli animali muoiano in condizioni terribili, per soddisfare i desideri dell’uomo.

Gli animalisti esultano alle parole di Gaultier

Il PETA , l’organizzazione People for the Ethical Treatment of Animals, ha deciso di rendere nota la scelta dello stilista francese. Sul sito dell’organizzazione animalista infatti, la scelta di Jean Paul Gaultier, viene accolta e descritta con grande entusiasmo. E’ interessante ricordare come nel 2006, Ingrid Newkirk, fondatrice dell’organizzazione aveva fatto irruzione in una delle sfilate della celebre maison francese, come segno di protesta per il largo uso di pellicce nella collezione.

I numerosi stilisti che hanno rinunciato alle pellicce

Complice soprattutto la perseveranza dell’organizzazione PETA, oggi l’elenco delle case di moda che hanno deciso di non adottare più pellicce animali, è sempre più lungo. La protesta contro l’utilizzo delle pellicce, ha trovato il sostegno e l’approvazione di milioni di cittadini, che si sono uniti e sensibilizzati verso il rispetto della dignità degli animali. I brand, che hanno preso la stessa scelta di Jean Paul Gaultier, sono più di 280. Tra queste le prestigiosissime casa di moda: Armani, Versace, Ralph Lauren, Gucci, Burberry. A queste si aggiungono anche altri famosi marchi come Asos, H&M, GAP, Diane von Furstenberg, Bershka, Adidas, Zara, Mango e Cos. Una svolta ecologica e super green, che accomuna moda e rispetto della natura.

Il problema delle pellicce sintetiche

Se il mondo animalista, esulta per la scelta di Jean Paul Gaultier, che si schiera contro il maltrattamento degli animali, un altro problema viene a galla. E riguarda le pellicce sintetiche. Le materie prime indispensabili a creare questo capo d’abbigliamento, sono fibre derivate dal petrolio. Ovviamente, in molti casi, la produzione di questi materiali, provoca un altissimo impatto ambientale; esiste una soluzione ecologica, ma anche in questo caso la produzione intensiva, provoca il medesimo impatta ambientale. Si tratta del cotone. La soluzione più ecofriendly, sarebbe dunque quella di ridurre il più possibile la produzione di pellicce, anche sintetiche, in modo da ridurre i danni all’ambiente.

LEGGI ANCHE: GUCCI DICE NO ALLE PELLICCE ED ENTRA A FAR PARTE DELLA FUR FREE ALLIANCE

NO ALLE PELLICCE: LA STILISTA ELISABETTA FRANCHI, SI SCHIERA IN DIFESA PER GLI ANIMALI

Redazione

Recent Posts

Cosa fare quando una persona ha paura del tuo cane: passaggi fondamentali per non complicare la situazione

La paura dei cani può nascere da esperienze negative passate o semplicemente da una mancanza…

1 ora ago

Cani, come insegnare ai cuccioli a non fare i bisogni in giro per casa: l’errore comune da evitare assolutamente

Educare un cucciolo a fare i bisogni fuori casa è una delle prime sfide che…

10 ore ago

Il cane continua a mordere tutto? Come farlo smettere e cosa fare nel preciso istante in cui lo si ‘becca’

I cuccioli esplorano il mondo che li circonda principalmente attraverso la bocca. Questa fase di…

13 ore ago

Come insegnare al cane a non dar fastidio mentre si è a tavola in pochi passaggi: andare al ristorante non sarà più un’impresa

L'educazione del cane, specialmente quando si tratta di comportamenti legati alla convivenza quotidiana come il…

16 ore ago

Il bagnetto al cane non dev’essere un dramma: ecco come abituarlo ad ogni passaggio, dal lavaggio al phon

Il bagno del cane è un'attività che può trasformarsi da semplice routine a momento di…

19 ore ago

Esiste un semplice trucchetto per evitare che il gatto graffi tutti i mobili: ecco tutti passaggi da seguire

I gatti sono noti per la loro cattiva abitudine di graffiare vari oggetti, inclusi i…

22 ore ago