Stop+alle+pellicce%3A+L%26%238217%3BOipa+lancia+l%26%238217%3BIniziativa+dei+Cittadini+Europei
velvetpetsit
/2022/10/20/pellicce-iniziativa-cittadini-europei-per-chiusura-immediata/amp/
News

Stop alle pellicce: L’Oipa lancia l’Iniziativa dei Cittadini Europei

L’Oipa lancia l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) che esorta allo stop immediato alle pellicce e alla chiusura degli allevamenti. L’iniziativa si chiama Fur Free Europe – Basta pellicce in Europa e prevede una raccolta di firme.

Fur Free Europe – Basta pellicce in Europa è l’ICE che anche Oipa ha lanciato dai suoi canali ufficiali. La raccolta di firme, difatti, ha lo scopo di chiedere all’Unione Europea il divieto di allevamenti di animali da pelliccia e di bandire il commercio e l’importazione di pellicce e prodotti associati dal mercato europeo.

Si può firmare fino al 18 maggio 2023. Raggiunte e convalidate un milione di firme, la Commissione Europea dovrà prendere in considerazione la richiesta e decidere di agire in merito.

Tutti gli aspetti negativi delle pellicce

Come precisa Oipa in un comunicato, gli animali da pelliccia vivono in allevamenti intensivi e la loro vita è breve e fatta di sofferenze. In condizioni disumane, queste creature possono raggiungere livelli massimi di disperazione che si manifestano in autolesionismo e atti di cannibalismo. Quella delle pellicce è, oggi anche grazie a moltissime campagne animaliste, un’industria fuori moda; tanto che anche i più grandi stilisti hanno deciso di adottare la politica fur-free. Tuttavia, in Europa esistono ancora diversi allevamenti in cui vivono animali che hanno bisogno di essere salvati. Sono diversi i fattori che portano a considerare le pellicce forme di maltrattamento estremo che violano, pertanto, i diritti esposti anche nella Carta Costituzionale.

L’allevamento di animali da pelliccia, infatti, non è etico perché non rispetta i bisogni delle specie selvatiche come volpi e visoni. Risulta eticamente impossibile accettare che gli animali siano rinchiusi nelle gabbie all’unico scopo di privarli delle loro pellicce. Inoltre, gli allevamenti intensivi dove sono prodotte le pellicce non sono sicuri. Ovvero possono rappresentare un rischio per la salute degli animali e delle persone. Come ricorda Oipa nel comunicato diffuso, con l’avvento della Pandemia da Covid-19 centinaia di allevamenti di visoni sono stati colpiti da focolai importanti.

Perché è importante agire adesso

Questi allevamenti non sono sostenibili, perché hanno un impatto ambientale notevole e rappresentano una seria minaccia per la biodiversità autoctona. Spiega ancora l’Organizzazione Internazionale Protezione Animali che il visone americano, a seguito della fuga di alcuni esemplari dagli allevamenti e che oggi è ampiamente diffuso in tutta Europa, ha impattato negativamente sulla fauna selvatica autoctona europea. Ed inoltre, la concia e la lavorazione delle pellicce comporta l’utilizzo di sostanze chimiche tossiche. Le industrie di pelliccia sono, infatti, le quinte più inquinanti. Massimo Comparotto, Presidente Oipa, auspica: “Speriamo che in tempi brevi l’allevamento di animali da pelliccia e il commercio di prodotti da questo derivati diventino soltanto un brutto ricordo del passato. Ora è il momento di un’Europa fur-free“.

E come prosegue Comparotto: “Oggi abbiamo un’opportunità senza precedenti per realizzare nell’Unione Europea questo obiettivo. Perché l’industria delle pellicce sta affrontando una crisi economica e un’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Perché 12 paesi dell’UE (Italia compresa) hanno recentemente chiesto alla Commissione Europea di esaminare le opzioni per il divieto permanente dell’allevamento di animali da pelliccia nell’UE e di presentare una proposta legislativa per raggiungere questo obiettivo“. A questi motivi si aggiungono l’intento della Commissione Europea di rivedere la legislazione relativa al benessere degli animali.

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Recent Posts

No, non è il ghepardo l’animale più veloce al mondo: il primo posto va ad un altro esemplare

Due creature splendide ma estremamente distanti sono segnate da una caratteristica comune: la velocità straordinaria. …

3 ore ago

Come riconoscere il ragno violino: se noti questi dettagli, è proprio lui

Cosa dobbiamo sapere per tenere a bada le nostre paure. I ragni: creature temute ma…

15 ore ago

Paura delle cavallette? C’è solo un modo per tenerle lontane da casa tua: scapperanno altrove

Un animale affascinante ma che può suscitare paura e perfino repulsione. Come allontanare le cavallette…

21 ore ago

Il gesto da evitare assolutamente quando si viene punti da una medusa: conseguenze da non sottovalutare

Anche nelle meraviglie delle spiagge italiane qualche inconveniente c'è: cosa fare capita di essere toccati…

1 giorno ago

L’animale più pericoloso al mondo: questa scoperta non ti farà più dormire tranquillo

La Natura è piena di sorprese e non tutto è come sembra. Ecco gli animali…

2 giorni ago

Dai i baci al tuo gatto? Dovresti assolutamente sapere questo: forse non ci hai mai pensato

Qualcosa che devi assolutamente sapere nella relazione domestica con il tuo amico. I gatti apprezzano…

2 giorni ago