%26%238220%3BFurbo+come+una+volpe%26%238221%3B%3A+quanto+di+vero+c%26%238217%3B%C3%A8+in+questo+modo+di+dire
velvetpetsit
/2022/12/09/furbo-come-una-volpe-quanto-di-vero-ce-in-questo-modo-di-dire/amp/
Curiosità

“Furbo come una volpe”: quanto di vero c’è in questo modo di dire

Furbo come una volpe” è un modo di dire molto diffuso nel linguaggio comune. Un detto che fonda le sue origini facendo riferimento al comportamento di questo animale. E se Esopo descriveva già l’astuzia di questo mammifero nelle sue favole, è interessante scoprire quanto di vero c’è in questa credenza diffusa.

Quando si parla della volpe ci si riferisce a questo animale indicando sopratutto la furbizia nel catturare le sue prede o nell’introdursi in luoghi insoliti. E da questa credenza diffusa deriva anche un conosciuto modo di dire che usa proprio la similitudine con questo animale per indicare una persona particolarmente astuta. E difatti, si può dire che questo mammifero sia assolutamente arguto. Furbizia che non si riferisce solo alle abili doti nella caccia, ma anche ad altre incredibili capacità.

Esemplare di volpe rossa nella natura- VelvetPets

Perché la volpe è furba

Le volpi sono animali onnivori e riescono ad alimentarsi in maniera più svariata rispetto ad altre creature. Non è difficile vederle rovistare nei cassonetti o avvicinarsi agli uomini inteneriti che gli offrono del cibo. Diffusa in quasi tutte le parti del mondo, proprio per il suo spirito di adattamento, la volpe è difatti uno dei mammiferi carnivori più diffusi sulla Terra. Sono le strategie evolutive che hanno permesso a questa creatura di adattarsi in diverse parti del Pianeta comprese le zone più fredde del globo. Hanno grandi abilità di caccia perché utilizzano il campo magnetico per catturare le prede e riescono a scovare un roditore anche a km di distanza. Inoltre, la volpe è in grado di produrre decine di vocalizzi che le permettono di comunicare con i cuccioli, con altre volpi vicine o anche per conquistare il partner.

Nonostante questa grande furbizia e capacità di adattarsi ad ambienti e circostanze diverse, ciò che sta mettendo in pericolo le volpi pare essere la loro eccessiva urbanizzazione. Infatti, la frequenza troppo assidua degli spazi frequentati dagli umani, fa sì che questi animali siano, sempre più spesso, alimentati direttamente dalle persone. Questo può rappresentare un rischio, sotto diversi aspetti, per la specie. Infatti, l’abitudine all’uomo e ai suoi ambienti potrebbe farle ammalare o investire. Alcuni esperimenti condotti da un genetista sovietico, Dmitry Belayev, hanno dimostrato che volpi selezionate e addomesticate, nel corso delle generazioni, diventano molto simili ai cani. Questo però non è un bene per gli animali che perdono il loro istinto selvatico. In Inghilterra, ad esempio, si stanno diffondendo molte volpi alimentate dalle persone e docili in maniera anomala.

Esemplare di volpe adagiata su un tronco – VelvetPets

Non si tratta di un aspetto positivo per la conservazione di questa specie. Che, perdendo alcune delle sue caratteristiche primordiali, potrebbe rischiare di avere difficoltà a sopravvivere in natura, specialmente in situazioni più ostili. Inoltre, l’eccessiva confidenza con l’uomo potrebbe essere per la specie un’arma a doppio taglio. Il fatto di sentirsi a loro agio in presenza di persone, potrebbe portare le volpi ad avvicinarsi anche a chi le vuole eliminare percependole come una minaccia. È fondamentale tenere presente che queste creature hanno un compito importante nell’ecosistema di appartenenza. Infatti, grazie alla loro presenza le popolazioni di roditori e altri animali restano stabili. Alterare la sua dieta, rispetto a quella fisiologica, potrebbe essere un grande problema. Quindi, seguendo anche il ‘consiglio’ di Antoine de Saint-Exupéry non dovremmo mai cercare di addomesticare una volpe, lasciandola libera nella sua natura selvatica.

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Recent Posts

Adozione di un gatto: i passaggi da fare per essere in regola su tutti i fronti

Adottare un gatto rappresenta non solo un gesto d'amore ma anche una grande responsabilità, capace…

3 ore ago

Il cane si morde spesso le zampine? Oltre allo stress ci può essere un altro motivo, molto più serio

Adottare un cane è una scelta che va ponderata con attenzione, perché si tratta di…

6 ore ago

Pulci nel cane: come individuarle e cosa fare nel caso in cui il cane le abbia contratte

Le pulci sono parassiti esterni che possono attaccare il cane in qualsiasi periodo dell'anno, ma…

9 ore ago

Cani e gatti in auto, attenzione a questa legge: le multe sono altissime

I nostri amici a quattro zampe, cani e gatti, sono animali che amano la libertà…

12 ore ago

Gatto che beve molto: questo segnale potrebbe nascondere una patologia molto grave

I gatti sono creature affascinanti con comportamenti che spesso lasciano perplessi noi umani. Tra questi,…

15 ore ago

Il cane fa i bisogni in casa: segnale allarmante, il motivo potrebbe essere grave

I cani sono animali domestici che richiedono molte attenzioni, e spesso i padroni si trovano…

18 ore ago