Furetto+clonato%3A+il+delicato+esperimento+per+conservare+la+specie
velvetpetsit
/2021/02/22/furetto-clonato-esperimento-contro-estinzione-della-specie/amp/
Qui la zampa

Furetto clonato: il delicato esperimento per conservare la specie

Il “caso” del furetto clonato arriva dall’America e pare si tratti della prima volta in cui un progetto di questa portata è sviluppato per garantire una specie a rischio estinzione. L’esperimento ha come protagonista un furetto dai piedi neri; l’intento degli scienziati, che hanno curato la procedura, è quello di donare a queste creature maggiori possibilità di sopravvivenza. Il clone si chiama Elizabeth Ann ed è nato dalle cellule congelate di Willa, un esemplare vissuta trent’anni fa.

L’esemplare clonato è venuto alla luce da madre surrogata già lo scorso dicembre 2020, ma l’US Fish and Wildlife Service ha voluto rendere nota la creazione del furetto clonato solo pochi giorni fa. Nel 1979 il furetto dai piedi neri era stato dichiarato estinto; ma due anni dopo un proprietario terriero del Wyoming ha scoperto una piccola popolazione superstite che viveva proprio nei suoi terreni. Grazie a quegli esemplari si è pensato di avviare un programma di ripopolamento che permettesse la conservazione della specie.

Il furetto clonato per evitare l’estinzione

Dopo la scoperta nel 1981 dell’esistenza della piccola popolazioni degli animali creduti estinti, si è messo in atto un processo che permettesse l’accoppiamento e la riproduzione protetta della specie. Tutti i furetti dai piedi neri oggi esistenti discendono però da sette esemplari; questo comporta una minima variazione genetica e di conseguenza una maggiore possibilità per gli animali di essere “suscettibili a malattie e anomalie genetiche“, questo quanto dichiara anche l’agenzia federale americana. A tal proposito si è pensato di valutare l’ipotesi della clonazione e quindi sperimentare il primo caso di furetto clonato; l’intento primario è di aumentare la diversità genetica e quindi aumentare la possibilità di conservazione della specie. Così da Willa, un esemplare morto trent’anni fa ma in possesso di una maggiore diversità genetica, è “nata” Elizabeth Ann; con la speranza che questo delicato tentativo possa diversificare maggiormente il patrimonio genetico e permettere una più alta conservazione della specie.

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Recent Posts

Il rischio che tutti sottovalutano: attenzione quando i bambini interagiscono con i cani

Un pericolo spesso sottovalutato ma sempre di attualità. Come evitare rischi nell'interazione tra cani e…

4 ore ago

Tigre? Lupo? Orso? No, l’animale più feroce al mondo è questo

La ferocia in Natura, una caratteristica ricorrente, soprattutto in certe aeree. Ma a chi spetta…

10 ore ago

No, non è il ghepardo l’animale più veloce al mondo: il primo posto va ad un altro esemplare

Due creature splendide ma estremamente distanti sono segnate da una caratteristica comune: la velocità straordinaria. …

16 ore ago

Come riconoscere il ragno violino: se noti questi dettagli, è proprio lui

Cosa dobbiamo sapere per tenere a bada le nostre paure. I ragni: creature temute ma…

1 giorno ago

Paura delle cavallette? C’è solo un modo per tenerle lontane da casa tua: scapperanno altrove

Un animale affascinante ma che può suscitare paura e perfino repulsione. Come allontanare le cavallette…

1 giorno ago

Il gesto da evitare assolutamente quando si viene punti da una medusa: conseguenze da non sottovalutare

Anche nelle meraviglie delle spiagge italiane qualche inconveniente c'è: cosa fare capita di essere toccati…

2 giorni ago