Il+Babbuino%3A+curiosit%C3%A0+e+abitudini+della+scimmia+pi%C3%B9+simile+all%26%238217%3Buomo
velvetpetsit
/2021/02/21/babbuino-curiosita-e-abitudini-scimmia-simile-alluomo/amp/
Celebrities Pets

Il Babbuino: curiosità e abitudini della scimmia più simile all’uomo

Il babbuino rientra tra i primati che, più di tutti, hanno caratteristiche fisiche e comportamentali che lo accomunano all’uomo. Questo animale infatti condivide con l’essere umano un grande bagaglio genetico; noto il nome scientifico di Papio, si tratta di una tra le scimmie più grandi al mondo e può raggiungere fino ai 40 kg di peso. Vivono in Africa e il alcune regioni dell’Asia e, a differenza di altri primati, non si arrampicano sempre sugli alberi. Secondo la scienza si tratta

oltre i denti molto lunghi e il naso evidente e allungato a rendere particolare il babbuino è la presenza in entrambe le mani del pollice opponibile; un dito che distingue anche gli uomini dagli altri animali e consente di afferrare cibo e cose con più facilità. Il naso inoltre è una delle caratteristiche di questo animale che individua il dismorfismo sessuale; nei maschi infatti può essere fino a sette volte più grande che nelle femmine. Anche la coda ha una forma molto particolare ad arco ed solitamente sempre rivolta verso l’alto. Di questa razza esistono diverse specie ma ognuna si distingue per comportamenti diversi e specifici rispetto alle altre scimmie.

Il babbuino e la vita sociale

Questi primati sono in prevalenza onnivori e a differenza di altri primati i loro branchi, che possono contare fino a 250 esemplari, sono composti da un importante numero di femmine e cuccioli protetti da un unico maschio dominante e un altro giovane che non è autorizzato ad accoppiarsi. Il babbuino è dotato di un temperamento molto calmo ma riesce a trasformare la sua quiete in aggressività e forza qualora si senta minacciato o aggredito. A guidare il branco è sempre il maschio “alfa” ma tuttavia rispetto all’habitat in cui abitano si può contare sulla presenza di altri esemplari di sesso maschile (nella Savana ad esempio), che tuttavia dipendono sempre dal capobranco con la libertà di potersi accoppiare se autorizzati.

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Recent Posts

Appartengono a due razze diverse, ma questi due cagnolini sono davvero inseparabili: Thelma e Louise conquistano tutti

Dal mondo canino una storia di reciproco soccorso nelle difficoltà e amicizia che supera le…

40 minuti ago

Lo trovano così e fanno di tutto per salvarlo: il video del drammatico intervento, incredibile come abbiano fatto

Un salvataggio emozionante che si può vedere in un video: ecco come i soccorritori aiutano…

2 ore ago

Vuoi sapere se il tuo cane vivrà a lungo? Uno studio svela un dettaglio fondamentale

Ogni cane ha il suo giorno, ma alcuni vivono più anni di altri. Uno studio…

4 ore ago

Rivoluzione nel mondo animale: i serpenti stanno cambiando e la scienza non sa perché

Nonostante il loro temibile aspetto, i serpenti sono diventati fondamentali per la scienza: ecco ciò…

6 ore ago

Max e Spike, amici per la pelle: il gattino supporta il cane cieco

Max e Spike sono un gatto e un cane diventati amici per la pelle. L'aiuto…

8 ore ago

Filaria, come riconoscere la malattia nei cani e nei gatti: attenzione a questi sintomi

Filaria: una malattia preoccupante. Scopriamo insieme quali sono i segnali da non ignorare nei cani…

9 ore ago