Tornano+a+far+discutere+i+mufloni+dell%26%238217%3BIsola+del+Giglio
velvetpetsit
/2023/03/27/tornano-a-far-discutere-mufloni-isola-del-giglio/amp/
News

Tornano a far discutere i mufloni dell’Isola del Giglio

L’Organizzazione Internazionale Protezione Animali lancia un nuovo appello per i mufloni che si trovano presso l’Isola del Giglio. Come sostiene Oipa, infatti, il Ministro avrebbe autorizzato la caccia a questi esemplari “sulla base di un dubbio“. 

Oipa, torna in difesa dei mufloni dell’Isola del Giglio. L’organizzazione aggiunge un nuovo tassello alla vicenda, dichiarando che anche gli agricoltori sarebbero contrari al massacro di questi animali. Asserendo piuttosto che non esistono danni alle colture, come invece si era detto. Una mattanza, dunque, giustificata pare in maniera inesatta. Inoltre, sempre l’Organizzazione Internazionale Protezione Animali ha voluto precisare che la decisione di eradicare, tramite abbattimento, i circa 40 mufloni presenti sull’Isola del Giglio costerebbe 378.925 euro. Ovvero quasi 10 mila euro per ogni animale abbattuto.

Muflone Scalatore (immagine d’archivio a scopo illustrativo) – VelvetPets

I mufloni del Giglio specie ancestrale

Secondo quanto riferisce Oipa in un comunicato stampa ufficiale, il Ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin, rispondendo ad un’interrogazione a prima firma della senatrice Alessandra Maiorino, avrebbe affermato che i mufloni dell’Isola del Giglio sarebbero “cacciabili in quanto alloctoni“. Tuttavia, al tal proposito, Oipa ricorda che la rivista scientifica internazionale Diversity ha attestato come i mufloni del Giglio posseggano un DNA ancestrale. Quest’ultimo ormai perso nella popolazione sorgente sarda. Di conseguenza, i mufloni del Giglio, non solo non andrebbero cacciati, ma andrebbero tutelati perché specie da conservare. Il Ministro Fratin, però, avrebbe fornito la sua risposta anche in merito a questa questione ammettendo, pare, che la caratterizzazione genetica non sarebbe esaustiva: “Effettuata – precisa il Ministro – su un campione estremamente ridotto“.

Dunque, secondo quanto espresso da Oipa, si autorizzerebbe la caccia ai mufloni sulla base di un dubbio. L’organizzazione fa notare, inoltre, che i costi (come precisato sopra: circa 10 mila euro ad animale) tutt’altro che contenuti arriverebbero da una collettività, per la maggioranza, contraria alla caccia. Ma c’è di più. Infatti, contrari a questa mattanza autorizzata non sarebbero solo gli attivisti, ma anche la maggior parte degli isolani, dei turisti e degli agricoltori. Essi, riuniti nel comitato Save Giglio, smentiscono l’esistenza di danni alle colture causati dai mufloni. Due anni fa, si ricorda nell’interrogazione, in un’intervista a Giampiero Sammuri, presidente del parco, quest’ultimo avrebbe ammesso che non esisterebbe alcuno studio condotto in loco che accerti il livello d’incidenza del muflone né sull’ambiente, né sull’agricoltura.

Esemplare di Muflone Europeo – VelvetPets

Differenza tra invasivo e alloctono

Riportando un tratto dell’interrogazione, Oipa scrive: “In assenza di una sua comprovata incidenza negativa non è legale classificare l’animale come invasivo, seppure alloctono. Si evidenzia che i regolamenti europei e la normativa nazionale prevedono che solo le specie alloctone per le quali è dimostrabile un impatto negativo possono essere eradicate, di conseguenza l’eradicazione dei mufloni del Giglio sembra avvenire in violazione del regolamento UE n. 1143/2014 e della legge quadro sulle aree protette (legge 6 dicembre 1991, n. 394, art. 11, comma 4)“.

Inoltre, come ha tenuto a ribadire il responsabile per la Fauna Selvatica di Oipa, Alessandro Piacenza, sembra impensabile che ancora oggi la caccia sia vista come l’unico mezzo per una potenziale eradicazione. Gli animali dovrebbero, al contrario, essere tutelati garantendo una convivenza pacifica con l’uomo. Ma, conclude Oipa che già in passato si era occupata dei mufloni del Giglio: “S’imbracciano i fucili per eliminare gli ultimi mufloni del Giglio, che sono gli ultimi del loro genere e abbatterli significa perdere una grande ricchezza in termini di biodiversità“.

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Recent Posts

Attento a questo insetto in giardino e (soprattutto) fai in modo che il tuo cane non lo veda proprio

Hai trovato questo insetto in giardino? Fai il possibile per scacciarlo via e soprattutto fai…

2 ore ago

Hai trovato un cucciolo di cane abbandonato? Ecco cosa devi fare nell’immediato

Un incontro inaspettato: cosa fare immediatamente (e cosa non fare) se si trova un cucciolo…

8 ore ago

Portare il gatto al mare: cosa bisogna sapere prima di prendere iniziativa

Micio in vacanza: alcuni consigli utili sul modo migliore per godersi una bella giornata al…

14 ore ago

Colpo di calore nel cane, non commettere errori: potrebbero costargli caro

Se hai un cane con questo caldo devi fare molta attenzione ai colpi di calore:…

1 giorno ago

Piccioni sul balcone: così ho risolto il problema. Metodo che nessuno ha mai provato prima

La piaga dei piccioni in balcone: alcuni consigli utili e un metodo innovativo per liberarsene…

1 giorno ago

Zanzare bianche, fai molta attenzione: alcune specie sono pericolose, ecco come riconoscerle

Bisogna fare molta attenzione alle zanzare bianche: alcune possono essere pericolose e bisogna avere le…

2 giorni ago