Lettiera per il coniglio: quale prediligere e quale evitare, gli errori che danneggiano l’animale

La scelta della lettiera per il coniglio è un aspetto fondamentale per garantire il benessere e la salute del nostro amico a quattro zampe. 

Innanzitutto, è importante fare una distinzione chiara tra la lettiera stessa e la cassetta igienica. Molti tendono a confondere questi due termini, ma in realtà si riferiscono a due elementi distinti dell’habitat del coniglio.

coniglio domestico in gabbia
Quali caratteristiche deve avere una lettiera adeguata al coniglietto – velvetpets.it

La cassetta igienica è il contenitore dove il coniglio fa i suoi bisogni, mentre la lettiera è il materiale che viene posto all’interno della cassetta per assorbire urina e odori.

Evita questi errori con la lettiera del coniglio

Una cassetta igienica adeguata deve permettere al coniglio di entrare ed uscire facilmente, quindi i bordi non devono essere troppo alti. È importante evitare l’uso delle grate sul fondo della cassetta, poiché possono causare pododermatite, una dolorosa infiammazione delle zampe del coniglio.

Alcuni tipi di lettiere possono essere dannosi per i conigli. Tra questi vi sono:

lettiere per gatti: i sassolini o le lettiere in silicio possono ferire le zampe dei conigli o causare pododermatite.
Lettiere profumate: gli odori forti possono disturbare l’olfatto eccezionalmente sviluppato dei conigli.
Materiali derivati dalle conifere: legni come pino o abete rilasciano sostanze che possono essere nocive se ingerite dai conigli.
Giornali: l’inchiostro può essere tossico se entra in contatto con l’urina.
Truciolo e segatura: possono attaccarsi al pelo del coniglio o essere inalati, causando problemi respiratori.
Tutolo di mais: se ingerito può causare gravi disturbi digestivi ai conigli.

Pellet per la lettiera del coniglio
Il pellet è molto indicato per la lettiera del coniglio perché assorbe bene i liquidi – velvetpets.it

Nonostante ci siano molte opzioni non adatte, esistono anche diverse lettiere sicure ed efficaci:

1. Pellet di faggio: questo tipo di pellet assorbe molto bene ed è economico. È importante assicurarsi che sia puro faggio, senza aggiunta di altre essenze legnose come l’abete.
2. Pellet specifico per animali: anche se più costoso rispetto al pellet da stufa, rimane una buona opzione se non si trova quello di faggio puro.
3. Carta pressata: assorbe bene l’umidità ed è sicura purché il coniglio non la mangi.
4. Traversine per animali domestici: possono essere utilizzate all’interno o fuori dalla cassetta igienica come soluzione alternativa.

È fondamentale posizionare la cassetta igienica vicino alla zona dove il coniglio ha accesso al fieno, in quanto spesso mangia mentre fa i suoi bisognini; questo aiuta anche a mantenere pulita l’area circostante, limitando lo spargimento delle deiezioni fuori dalla cassettina. Seguendo queste semplici indicazioni sulla gestione della cassetta igienica potrete garantire un ambiente sano ed accogliente al vostro amato pet.

Impostazioni privacy