Animali+domestici%3A+la+spesa+per+nutrirli+raddoppiata+in+14+anni
velvetpetsit
/2015/04/13/animali-e-spesa-cibo-costi-raddoppiati/amp/
Categories: News

Animali domestici: la spesa per nutrirli raddoppiata in 14 anni

Che gli italiani fossero un popolo sempre più “pet-friendly” si era già capito dalle statistiche che confermavano la presenza di cani, gatti e altri piccoli animali domestici nelle case di oltre 60 milioni di connazionali (63 per essere precisi). Ora a conferma di ciò, arriva anche il IV rapporto Animali in Città stilato da Legambiente, dal quale emerge però anche un dato piuttosto allarmante: il costo per nutrire gli amici a 4 zampe è più che raddoppiato in soli 14 anni, tanto che in Italia si spendono circa 1,7 miliardi.

Grandi differenze, però, si evidenziano tra una città e l’altra e tra le aziende sanitarie delle diverse regioni: la spesa pubblica dichiarata dagli 85 Comuni presi a campione per l’indagine, assomma a 27.083.871,71 euro/anno nel 2013, con un costo medio di 1,74 euro/cittadino e picchi di spesa fino a 13,15 euro/cittadino a Matera o a 10,3 euro a Terni, opposti ai 10 centesimi spesi da Padova o ai 17 centesimi di Bolzano. Insomma, tracciando una media, i costi di “gestione animale” più alti spettano ai possessori di un cane: tra cibo, visite veterinarie e prodotti sanitari l’esborso va dai 300 ai 460 euro l’anno. La responsabilità è secondo l’associazione è dello Stato, ancora troppo poco interventista su diversi problemi che riguardano i pelosi di casa e che, poi, inevitabilmente, ricadono sulle tasche dei cittadini.

BISOGNI DEI CANI: I PROPRIETARI LI RACCOLGONO SOLO NEL POEMRIGGIO

Con il IV rapporto nazionale Animali in Cittàha dichiararo la direttrice generale di Legambiente Rossella Muroni in un comunicato ufficialevorremmo dare un concretissimo contributo alla crescita della corretta gestione dei milioni di amici a quattro zampe e dell’effettivo rispetto del loro benessere“. Per questo, secondo la Muroni, è evidente che le politiche del settore in Italia devono saper passare da una fase pioneristica, dove solo alcune realtà hanno saputo costruire esperienze positive, ad una in cui tali esperienze diventino patrimonio diffuso e pratica viva in tutto il resto del Paese. Anche perché, al di là delle cifre, l’obiettivo del report è quello di “trovare soluzioni”. Servono quindi precisi regolamenti comunali, spazi cittadini dedicati agli amici a quattro zampe, ma anche più controlli per applicare le sanzioni che di fatto esistono già, ma che non vengono applicate come dovrebbero.

Foto by Facebook

Redazione

Recent Posts

Noti qualche stranezza nel coniglietto domestico? Ecco dei suggerimenti utilissimi per capire immediatamente se è malato

I conigli sono animali domestici affascinanti e teneri, ma come tutti gli esseri viventi, anche…

2 ore ago

Il cane obbedisce solo se vede il premietto? Forse hai saltato questo passaggio nell’insegnamento

L'addestramento del cane è un processo che richiede pazienza, coerenza e una comprensione approfondita del…

5 ore ago

Come comunicare col cane per fargli capire chi è che comanda: istruzioni chiare e precise

Educare un cane non è mai un compito semplice, ma seguendo alcuni consigli pratici è…

14 ore ago

Serie di errori imperdonabili se si vuole che il cane smetta di abbaiare in casa

L'abbaio del cane può diventare una fonte di stress notevole per i proprietari e per…

17 ore ago

Arriva un nuovo cagnolino in casa: lista di 10 errori da evitare per cominciare col piede giusto

L'arrivo di un cucciolo in casa è un momento emozionante e gioioso per ogni famiglia.…

20 ore ago

Canarini, come capire se la femmina è pronta alla deposizione: i dettagli inconfondibili

L'allevamento di canarini è un'attività affascinante che richiede conoscenza, pazienza e una particolare attenzione ai…

23 ore ago