Ucraina%2C+pronto+a+partire+il+primo+carico+di+farmaci+a+uso+veterinario
velvetpetsit
/2022/03/15/ucraina-parte-carico-di-medicine-veterinarie-gli-aiuti-agli-animali/amp/
Pets Healthy

Ucraina, pronto a partire il primo carico di farmaci a uso veterinario

Il primo carico di farmaci ad uso veterinario sta per per partire dall’Italia all’Ucraina e accolti i primi cani in fuga dalla guerra; due iniziative rese possibili grazie alla sinergia creata dalla Fondazione Cave Canem. Arrivati aiuti concreti dai cittadini privati e dalle aziende Linkem Italia e Petrone Group.

Fuggono da soli o con il loro proprietari, sono gli animali che, come le persone, stanno scappando dalla guerra in Ucraina. Cani, gatti e altre creature si trovano ad essere anch’esse vittime del conflitto; per loro diverse associazioni animaliste si sono mosse. Così come la Fondazione Cave Canem che, grazie all’attivazione di una raccolta fondi, ha messo a disposizione un primo fondo di 10mila euro per dare assistenza ai cani e ai gatti.

Cave Canem è intenzionata a dare supporto ad associazioni e organizzazioni che sono impegnate nelle zone direttamente interessate dal conflitto; oltre che preoccuparsi di dare ospitalità e assistenza ai cani e ai gatti che verranno accolti in Italia o in altri paesi presso i quali operano enti partner della Fondazione.

Cave Canem a sostegno degli animali in Ucraina

L’impegno di Cave Canem ha trovato molta risonanza tra le persone; gli interventi pensati dalla Fondazione, infatti, hanno ricevuto anche l’appoggio di associazioni internazionali tra cui Fridays for Future e di altri importati partner. Sostegno particolare è arrivato da Linkem Italia e Petrone Group; grazie a queste due realtà è stato possibile organizzare l’accoglienza dei primi due animali domestici in Italia e inviare farmaci veterinari in Ucraina.

Come si legge nella nota che rivela i dettagli degli interventi promossi dalla Fondazione Cave Canem, il primo intervento si basa sulla solidarietà; a causa della guerra in Ucraina due amiche, Olga e Irina, sono state costrette a lasciare il proprio paese e a cercare rifugio in Italia. Insieme a loro, quattro figli e due cani: Rich e Amore; proprio nell’attesa di trovare una sistemazione accogliente per tutti, i due cani stanno ricevendo le cure del team di professionisti di Cave Canem. I quattro zampe, momentaneamente lontani dalle loro famiglie, sono affidati all’assistenza di un educatore cinofilo esperto nel recupero di cani traumatizzati.

La storia di Rich e Amore

Come afferma Mirko Zuccari, dog trainer manager della Fondazione Cave Canem: “Abbiamo a lungo parlato con Irina e Olga per comprendere al meglio le abitudini di Rich e Amore e cercare di riproporre alcuni dettagli della vita prima della guerra. Si tratta di due cani, in particolare Rich, che presentano manifestazioni emotive figlie dell’alto livello di stress a cui sono stati sottoposti; il cambio di contesto, il venir meno dei loro punti di riferimento tra i quali anche i bambini con cui erano abituati a giocare. Faremo di tutto per aiutarli a superare il trauma subito e ritrovare l’equilibrio perduto, nell’attesa che possano ricongiungersi alle loro famiglie“.

Mettendo tutto l’impegno e la volontà necessari per supportare i quattro zampe traumatizzati, Mirko Zuccari ha aggiunto: “Abbiamo predisposto un sistema di accoglienza e supporto, qualora arrivino altri cani e gatti bisognosi; non solo di un riparo sicuro, ma anche dell’aiuto di professionisti che possano tranquillizzarli e aiutarli a superare il terrore di chi, come loro, è stato costretto a confrontarsi con l’orrore della guerra“.

Il secondo intervento per gli animali in Ucraina

Il secondo intervento che Fondazione Cave Canem si è preposto di realizzare è per gli animali che sono rimasti in Ucraina; sia per le creature ospitate nei rifugi, sia per quelli che si trovano nei ripari di fortuna con le proprie famiglie. Il primo carico con farmaci e materiali veterinari è pronto a partire con destinazione USAVA (Ukrainian Small Animal Veterinary Association).

La Vicepresidente della Fondazione Cave Canem, Federica Faiella, afferma: “Abbiamo potuto beneficiare del supporto della nostra collega Anastasiya, di origine ucraina; la quale ha interloquito con Istituzioni, medici veterinari e civili impegnati nelle zone di guerra per comprendere al meglio la situazione. Abbiamo poi contattato la coalizione ‘Eu Dog & Cat Alliance’, di cui la Fondazione è membro, per acquisire informazioni sulle attività e iniziative già in essere“.

Le importanti collaborazioni

Come spiega ancora la Vicepresidente di Cave Canem: “Per la definizione di questa operazione abbiamo avuto l’immensa fortuna di poter beneficiare di una collaborazione sinergica con Linkem Italia Spa e Petrone Group e del supporto di due imprenditori eccezionali: Davide Rota CEO Linkem Spa e Raffaele Petrone OWNER Petrone Group. Il dottor Davide Rota ha interloquito direttamente con l’Ambasciata Ucraina in Italia, il dottor Petrone si è prodigato in prima persona e ha messo a disposizione alcuni componenti del proprio team per aiutarci a definire tutti gli aspetti logistici e di distribuzione”.

Cane Amore, arrivato dall’Ucraina e accolto da Cave Canem

E in base all’intervento che presto Fondazione Cave Canem si appresta a rendere concreto, Raffaele Petrone di Petrone Group ha spiegato: “Reperire farmaci di vari produttori e inviarli velocemente sul luogo di utilizzo è da sempre la mission di Petrone group. Questa volta abbiamo messo a disposizione della Fondazione Cave Canem il nostro network per aiutare alcuni animali, quali cani e gatti, intrappolati anche loro nella morsa della guerra. E stiamo facendo lo stesso per farmaci e materiale medico per uso umano“.

LEGGI ANCHE: Arrivati in Italia 600 cani e 150 gatti insieme ai profughi che provengono dall’Ucraina

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Recent Posts

Come riconoscere il ragno violino: se noti questi dettagli, è proprio lui

Cosa dobbiamo sapere per tenere a bada le nostre paure. I ragni: creature temute ma…

6 ore ago

Paura delle cavallette? C’è solo un modo per tenerle lontane da casa tua: scapperanno altrove

Un animale affascinante ma che può suscitare paura e perfino repulsione. Come allontanare le cavallette…

12 ore ago

Il gesto da evitare assolutamente quando si viene punti da una medusa: conseguenze da non sottovalutare

Anche nelle meraviglie delle spiagge italiane qualche inconveniente c'è: cosa fare capita di essere toccati…

18 ore ago

L’animale più pericoloso al mondo: questa scoperta non ti farà più dormire tranquillo

La Natura è piena di sorprese e non tutto è come sembra. Ecco gli animali…

1 giorno ago

Dai i baci al tuo gatto? Dovresti assolutamente sapere questo: forse non ci hai mai pensato

Qualcosa che devi assolutamente sapere nella relazione domestica con il tuo amico. I gatti apprezzano…

1 giorno ago

Vorresti tanto un riccio domestico tutto per te? Forse, dovresti prima sapere questo

L'aspetto è delizioso e possiamo quasi dire che sembra uscito da una fiaba. Ma non…

2 giorni ago