Asma felina, semplici ma importantissimi accorgimenti per alleviare lo stress del gatto prima di usare i farmaci

L’asma felina è una condizione che può influenzare significativamente la vita dei nostri amici a quattro zampe. E’ necessario, dunque, approfondire questa tematica e scoprire come intervenire per garantire ai nostri gatti una vita migliore nonostante questa malattia.

Si tratta di una malattia respiratoria che colpisce i gatti di tutte le età, anche se può manifestarsi con maggiore frequenza nei soggetti giovani. E’ un’irritazione cronica dei bronchi, dovuta principalmente a un’eccessiva reazione del sistema immunitario.

gatto con difficoltà respiratorie dal veterinario
Riconoscere immediatamente i primi sintomi dell’asma felina può aiutare tantissimo l’animale – foto: Canva – velvetpets.it

Questo fenomeno può essere scatenato da diversi fattori ambientali comunemente presenti nelle nostre case, come le polveri degli acari, quelle provenienti dalla lettiera o l’utilizzo di deodoranti ambientali.

Come aiutare il gatto quando si presenta l’Asma Felino

I sintomi dell’asma felina possono essere subdoli e non sempre immediatamente riconoscibili. Tra i segnali più comuni troviamo una stanchezza insolita del nostro gatto, che si manifesta con un aumento delle escursioni respiratorie sia del torace che dell’addome. Altri sintomi includono una tosse persistente e nei casi più gravi anche difficoltà respiratorie evidenti con respiro affannoso e apertura della bocca durante gli attacchi asmatici.

gatto molto affaticato
Se si nota una stanchezza particolare del gatto, è il caso di intervenire chiamando un veterinario – foto: Canva – velvetpets.it

La diagnosi precoce può essere di grande aiuto. È importante osservare attentamente il comportamento del nostro gatto e consultare tempestivamente il veterinario al manifestarsi dei primi sintomi sospetti. La valutazione professionale potrebbe richiedere l’esecuzione di radiografie o altre indagini specifiche per confermare la diagnosi. Una volta diagnosticata l’asma, è possibile intraprendere un percorso terapeutico mirato a migliorare significativamente la qualità di vita del gatto affetto da questa patologia. La terapia può variare da semplici accorgimenti ambientali fino all’adozione di trattamenti farmacologici specifici.

Gli accorgimenti ambientali rappresentano il primo passo verso il benessere dei gatti asmatici. Aprire regolarmente le finestre per garantire un ricambio d’aria adeguato ed evitare l’utilizzo di deodoranti sono misure semplici ma efficaci. Inoltre, è consigliabile optare per lettiere poco polverose al fine di ridurre ulteriormente gli stimoli irritanti per i bronchi sensibili del nostro amico felino.

Nei casi in cui gli accorgimenti ambientali non fossero sufficienti a controllare i sintomi dell’asma, possono essere prescritti trattamenti farmacologici specifici. Queste terapie possono includere farmaci somministrati oralmente o attraverso inalatori appositamente progettati per i gatti, capaci di veicolare direttamente ai polmoni le sostanze necessarie a ridurre l’infiammazione bronchiale.

Prendersi cura della salute respiratoria del proprio gatto significa agire preventivamente – quando possibile – e intervenire prontamente alla comparsa dei primissimi segni clinici dell’asma felino. Riconoscere precocemente questi segnali e consultarsi con il proprio veterinario permette non solo di predisporre una terapia adeguata, ma anche di prevenire eventuali complicazioni gravi derivanti dalla malattia. Sebbene l’asma felina possa rappresentare una sfida sia per i proprietari che per i loro amati animali domestici, adottando le giuste precauzioni ed intervenendo tempestivamente è possibile garantirgli una vita lunga e serena.

Impostazioni privacy