Il tuo cane ha bisogno d’aiuto se si agita (troppo) quando abbaia agli altri cani: ecco come intervenire

Se c’è una sfida molto importante da affrontare per ogni proprietario di un cane, questa è la sua aggressività verso altri cani.

Molti cani manifestano una certa aggressività – sia al guinzaglio che da liberi – nei confronti di altri cani, indipendentemente dal loro sesso.

Rottweiler molto aggressivo
Cosa fare quando il cane si mostra molto aggressivo – velvetpets.it

Questo comportamento non solo rappresenta un problema per la sicurezza degli altri cani e delle persone nelle vicinanze, ma anche per il benessere psicologico dello stesso cane che, ogni tanto, sembra perdere le staffe senza motivo.

Come aiutare il cane che si mostra molto aggressivo nei confronti dei suoi simili

Il primo passo è sicuramente l’osservazione attenta del comportamento del proprio cane. Prima di poter intervenire efficacemente su un problema comportamentale, è fondamentale comprendere le motivazioni sottostanti e le circostanze in cui si manifesta l’aggressività. Attraverso l’osservazione, il proprietario può capire le specifiche situazioni che scatenano episodi di aggressività.

Per affrontare il problema nel migliore dei modi, può essere utile trovare un “partner” adeguato per gli esercizi comportamentali. Il cane ideale per questo ruolo deve essere calmo e tranquillo, in modo da poter lavorare sulle reazioni del cane senza aggravare la situazione.

cani al guinzaglio che litigano
Come educare il cane a mantenere la calma quando incontra suoi simili – velvetpets.it

Una delle tecniche utilizzate nel tentativo di modificare il comportamento aggressivo del cane è quella dell’associazione positiva. L’esercizio consiste nel premiare il cane ogni volta che guarda l’altro senza mostrare segni evidenti d’aggressività. In questo modo si cerca di sostituire la risposta emotiva negativa (l’aggressività) con una positiva (la calma), associando la presenza dell’altro cane a qualcosa di piacevole come il cibo o le carezze.

Un altro aspetto chiave nella gestione dell’aggressività è la riduzione progressiva della distanza tra i due cani durante gli esercizi. Si può partire mantenendo una distanza sufficiente per evitare reazioni aggressive da parte del cane arrabbiato, per poi diminuirla man mano che dimostra segni crescenti d’accettazione nei confronti dell’altro cane, senza cadere nella frustrazione o nell’ansia. Durante tutto il processo è fondamentale mantenere un atteggiamento positivo e dinamico: premiare i comportamenti desiderati aiuta a tenere alta l’attenzione del cane, evitando momenti statici che possono generare tensione o frustrazione in lui.

In alcuni frangenti, può essere necessario intervenire direttamente sui comportamenti indesiderati manifestati dal cane attraverso comandi fermi, ma non punitivi come “seduto” o “a terra”, allo scopo d’insegnargli alternative più accettabili alla reattività aggressiva.

Impostazioni privacy