I+rischi+delle+bioinvasioni%3A+oltre+40+specie+aliene+diffuse+nei+porti+italiani
velvetpetsit
/2022/03/17/specie-aliene-40-diverse-in-italia-rischio-per-ecosistemi/amp/
Pets Healthy

I rischi delle bioinvasioni: oltre 40 specie aliene diffuse nei porti italiani

A lanciare l’allarme è uno studio condotto dall’Università di Pisa, secondo il quale sarebbero state trovate 42 specie aliene distribuite in diversi porti italiani. Una situazione che rischia di mettere in serio pericolo le specie autoctone e di conseguenze l’equilibrio degli ecosistemi.

La ricerca parla nello specifico di ‘bioinvasioni‘ facendo riferimento a tutte quelle specie che sono state introdotte in luoghi completamente diversi dalle loro zone d’origine; in questo caso si parla, appunto, di specie aliene, dette anche alloctone o esotiche. Creature che possono rischiare di rompere gli equilibri degli ecosistemi nei quali si stanziano, rappresentando una minaccia per le specie autoctone.

L’Università di Pisa ne avrebbe rintracciate oltre 40 lungo i porti di Livorno, Bastia e Olbia; specie appartenenti a diverse famiglie (in questo caso, perlopiù, marine e invertebrati) e con un alto potenziale di rischio per la biodiversità locale.

Le specie aliene e il loro potenziale di rischio

Le minacce alla sopravvivenza di alcuni ecosistemi dipendono da diversi fattori. Commercio illegale di specie rare, il contrabbando di animali, il bracconaggio; oltre a questi fenomeni, l’uomo si rende complice di un’ulteriore pericolo per la biodiversità: l’introduzione di specie aliene in ecosistemi diversi. L’inserimento di specie alloctone in luoghi diversi da quello d’origine, avviene (almeno nella maggior parte dei casi) grazie all’uomo; anche se tuttavia, a causa di sporadici altri fattori è capitato che una specie si spostasse autonomamente dal suo luogo di provenienza.

Ma al di là della modalità di introduzione, la presenza di specie aliene all’interno di ecosistemi stabili potrebbe causare danni alle creature autoctone. Secondo uno studio condotto dall’Università di Pisa, ben 42 specie aliene diverse si troverebbero tra i porti di Livorno, Bastia e Olbia; sono soprattutto di crostacei, vermi policheti, molluschi e altri invertebrati. La ricerca, durata due anni e curata da ricercatori e docenti dei dipartimenti di biologia e di scienze della terra, si trova pubblicata sulla rivista Marine Pollution Bulletin.

Lo studio

Come si legge su Ansa, il professor Alberto Castelli, tra i professionisti impegnati nella ricerca, avrebbe spiegato: “Le bioinvasioni rappresentano a oggi una delle principali problematiche ecologiche che interessano gli ecosistemi marini, specialmente nel Mediterraneo. Lo studio degli ambienti portuali riveste quindi un particolare interesse proprio perché si tratta di aree particolarmente suscettibili alle bioinvasioni dove le specie aliene, volontariamente o accidentalmente introdotte dall’uomo, costituiscono un rischio per la biodiversità locale“.

Lo studio, oltre ad individuare le aree in cui si trovano le specie aliene (maggiormente nell’area turistica rispetto a quella commerciale), ha valutato anche l’identità degli invasori; in questo modo è possibile studiare i loro effetti sull’ambiente e sulla biodiversità originaria e soprattutto poter agire in attività di monitoraggio e prevenzione, necessarie per proteggere tutti gli ecosistemi.

LEGGI ANCHE: AIDAA, veterinari gratis per cani e gatti che arrivano dall’Ucraina

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Recent Posts

Gatto rapper conquista il web: le immagini sono tutte da ridere – VIDEO

Davvero molto divertente il gattino che fa il rapper: il video è diventato virale e…

2 ore ago

Questo gattino cieco cerca disperatamente la sua padrona: il suo miagolio colpisce dritto al cuore

La storia di Dimitri, il gattino cieco ha fatto il giro del mondo: il miagolio…

3 ore ago

Rubens Barrichello si lascia andare alle lacrime: “Quella morte si poteva evitare”, cosa gli hanno trovato nello stomaco

Rubens Barrichello è stato costretto a dire addio al suo Speedy a causa di un…

5 ore ago

Non è una tua impressione, il tuo gatto davvero ti sta ignorando: lo conferma la scienza

Pensi che il gatto ti stia ignorando di proposito? Hai ragione, è esattamente quello che…

7 ore ago

Quando le dimensioni non contano: il rispetto prima di tutto anche se si pesa 1 kg, il video è da perdere la testa

I simpaticissimi protagonisti di questo video sono diventati delle star dei social. Le dimensioni a…

9 ore ago

Cagnolino in fin di vita rinasce dopo essere stato adottato: il video colpisce al cuore

Quando l'hanno trovato stava praticamente per morire, tremava ed era pieno di ferite, la storia…

10 ore ago