Cane che abbaia senza motivo: i consigli degli addestratori per insegnargli a smettere

L’abbaio del cane può diventare una fonte di stress non solo per il proprietario, ma anche per il vicinato. Capire come gestire questo comportamento è fondamentale per vivere in armonia con il proprio amico a quattro zampe. 

Prima di poter intervenire nel modo giusto, è essenziale comprendere perché i cani abbaiano. L’abbaio è un mezzo di comunicazione e, a seconda del contesto, può esprimere noia, paura o un tentativo di controllo.

cane bianco che abbaia
Come calmare il cane che abbaia in continuazione – velvetpets.it

Distinguere tra questi motivi ci permette di adottare l’approccio più adeguato. Ci comporteremo in un modo oppure in un altro a seconda dell’abbaio che sentiremo. E questo farà sicuramente la differenza.

Perché il cane abbaia sempre e come risolvere il problema

Un cane che abbaia per noia, spesso si trova in uno stato di sotto-stimolazione mentale e fisica. Questo tipo di abbaio tende ad essere squillante e si verifica quando il cane cerca attività sostitutive alla noia. È importante riconoscere questa forma di comunicazione come un segnale secondo cui il nostro amico peloso ha bisogno di più interazioni e stimoli.

donna che guarda il cane sul divano
Il cane non smette di abbaiare? Ci sono alcune soluzioni molto pratiche – velvetpets.it

Il timore può essere un’altra causa significativa dell’abbaio dei cani. Un abbaio profondo accompagnato da una postura rigida indica generalmente paura o allarme verso qualcosa che il cane percepisce come una minaccia. In questi casi, l’intervento deve mirare a rassicurarlo senza rinforzare la sua paura.

Infine, alcuni cani possono utilizzare l’abbaio come strumento per attirare l’attenzione o ottenere qualcosa dal loro proprietario. Questo comportamento richiede un approccio specifico volto a modificare le dinamiche della relazione tra cane e proprietario. Una volta identificata la causa dell’abbaio, possiamo adottare strategie mirate alla risoluzione del problema.

Per i cani che abbaiano per noia, aumentare la stimolazione mentale e fisica può sicuramente fare la differenza. Giochi interattivi, passeggiate più lunghe o impegnative e sessioni regolari di addestramento possono fare la differenza nel ridurre significativamente questo tipo d’abbaio. Quando si tratta d’un cane spaventato, è fondamentale mostrarsi come figure rassicuranti che sanno prendere il controllo della situazione senza aggravarne la paura, magari con correzioni inappropriate o conforto inefficace. In caso d’un cane che usa l’abbaio come mezzo coercitivo nei confronti del proprietario, è necessario ridefinire i termini della relazione attraverso una leadership calma, ma ferma e decisa. Ignorando le richieste espresse tramite l’abbaio ed educando il cane all’utilizzo d’altri modi meno invasivi per comunicare le sue necessità, si può ottenere un cambiamento positivo nel suo comportamento.

Indipendentemente dalla causa scatenante l’abbaiare del cagnolino, ci sono alcune tecniche pratiche che possono aiutare nella gestione quotidiana: di sicuro è molto efficace evitare di ricompensarlo (anche involontariamente) mentre sta abbaiando; bisogna invece aspetta sempre che sia calmo, prima di mostrargli qualsiasi forma d’affetto. E’ bene utilizzare comandi semplici, ma fermi (come “No”) associati a gestualità coerenti ogni volta che vuoi interrompere l’atto dell’abbaiare; poco dopo, si può procedere ad un comando: ad esempio “seduto”. Se tende ad abbaiare per ottenere attenzioni o giocattoli, devia la sua richiesta verso attività costruttive, quali giochi da masticazione o puzzle alimentari. Infine, è consigliato ricordare di dedicare tempo alla scoperta ed esplorazione durante le passeggiate quotidiane col cane.

 

Impostazioni privacy