Sono segnali inequivocabili: se il gatto fa così con te, vuol dire che ti odia

Nel mondo degli amanti degli animali, i gatti occupano un posto speciale nei cuori di molti. Queste creature affascinanti e a volte enigmatiche hanno modi unici di comunicare con noi.

Spesso, però, tendiamo a interpretare il loro comportamento attraverso la lente delle nostre emozioni umane, attribuendo sentimenti di amore o odio in base alle loro azioni. Ma è davvero così semplice? I gatti possono provare odio verso gli esseri umani?

gatto con sguardo teso e severo
Il gatto può davvero provare odio nei nostri confronti? – velvetpets.it

E’ il caso di prendere in considerazione (finalmente) i segnali che potrebbero farci pensare che un gatto ci “odi”, analizzando le vere ragioni dietro questi comportamenti e come dovremmo agire in risposta.

Il gatto di odia? Ecco come capirlo

Prima di tutto, è importante chiarire che i gatti non provano odio, o meglio, almeno non nel modo in cui lo intendiamo noi umani. Tuttavia, possono mostrare comportamenti che interpretiamo come ostili o distaccati per diverse ragioni. Per questo, ci viene abbastanza naturale associarli all’odio nei nostri confronti. Tra queste troviamo la mancanza di socializzazione durante la giovane età del gatto con diversi tipi di persone (bambini, adulti e anziani), esperienze negative passate che possono aver lasciato dei traumi e l’apprendimento basato sulle conseguenze delle loro azioni (ad esempio mordere per essere lasciati in pace).

gatto che graffia il proprietario
Occhio a questi comportamenti del gatto – velvetpets.it

Un primo segnale che potrebbe far pensare ad una avversione nei nostri confronti è quando il gatto si nasconde alla nostra vista. Questo comportamento può essere accompagnato da una postura tesa del corpo, coda abbassata, orecchie indietro e pupille dilatate – tutti indicatori che il nostro amico peloso potrebbe essere spaventato piuttosto che ostile.

Un altro segno evidente è quando il gatto cambia radicalmente il suo modo di interagire con noi o con alcuni membri della famiglia, evitando contatti visivi diretti, o magari fuggendo in altre stanze. Spesso, evitano di rimanere in nostra compagnia. Questo cambiamento nel comportamento può derivare da una comunicazione sbagliata da parte nostra o da una rottura nel legame affettivo.

Graffiare, soffiare e ringhiare sono modi attraverso i quali i gatti esprimono disagio o malessere. Se notiamo questi comportamenti quando interagiamo con loro, è importante prestare attenzione ai segnali premonitori (come movimenti rapidi della coda) ed evitare azioni che li disturbano ulteriormente. Sebbene sembri un po’ esagerato definirlo “odio”, un attacco diretto tramite morsi o graffi può essere interpretato erroneamente in questo senso. Tuttavia, spesso questi gesti indicano altissimi livelli di stress o ansia nel nostro animale domestico ed è essenziale consultarsi con un veterinario specializzato per comprendere meglio le cause sottostanti.

Infine, se osserviamo improvvisamente nel nostro gatto comportamenti insoliti come pulirsi compulsivamente, vocalizzare incessantemente o dormire più del solito senza apparente motivo, beh, allora potrebbe trattarsi non solo di problemi comportamentali, ma anche fisici.

Riconoscere questi segnali ci permette non solo di comprendere meglio le necessità emotive e fisiche dei nostri amici felini, ma anche d’intervenire adeguatamente per migliorarne il benessere generale. Prima cosa da fare è consultare sempre un veterinario per escludere eventuali problematiche fisiche; successivamente, lavoreremo sul rafforzamento del legame col nostro pet attraverso tecniche positive ed empatiche.

Impostazioni privacy